The original article was published in English, other language versions are automatically translated.
For the original please switch to English.
16.06.2022

Che cos'è la terapia manuale?

Trisha Davies-Knorr

Ci avete mai pensato? Probabilmente non è mai stato così difficile rispondere a questa domanda come in questo momento. Quando mi sono diplomato come fisioterapista è stato facile. La terapia manuale consisteva nella mobilizzazione delle articolazioni attraverso il movimento passivo. Non era una novità. Infatti, la terapia manuale è una disciplina antica, citata già da Ippocrate (Pettman 2007). I fisioterapisti insegnano e praticano la terapia manuale da almeno un secolo. Ma cosa intendiamo per terapia manuale? Che cosa facciamo in concreto?

Definizioni:

Negli atti di un workshop tenutosi negli Stati Uniti nel 1977, con i contributi di importanti leader del settore come Vladimir Janda, Karel Lewit e Sydney Sunderland, la terapia manuale era ancora su un binario passivo. Essi descrivono la terapia manuale come "l'applicazione di una forza manuale accuratamente determinata e specificamente diretta al corpo, al fine di migliorare la mobilità in aree che sono limitate; nelle articolazioni, nei tessuti connettivi o nei muscoli scheletrici". Più recentemente Lederman descriveva ancora la terapia manuale come "...l'uso delle mani in modo curativo e curativo o una tecnica di manipolazione con intento terapeutico...". (Lederman E. 2005).

La terapia manuale è comunque in evoluzione. Negli ultimi decenni abbiamo assistito a un enorme sviluppo del campo della terapia manuale, che da mestiere professionale è diventato una scienza supportata da prove. Stiamo anche assistendo a un ampliamento del campo della terapia manuale per includere esercizi, educazione, scienze del dolore, capacità di comunicazione e molti altri interventi.

Nel libro innovativo di Gregory Grieve Moderna terapia manuale della colonna vertebrale del 1986 troviamo già una serie di capitoli dedicati all'esercizio fisico. David Lamb afferma in questo libro che i terapisti manuali "fornire una gestione conservativa completa per il dolore spinale e delle articolazioni periferiche delle disfunzioni muscoloscheletriche". Infatti, nel 4th volume di quest'opera standard il titolo è stato cambiato in La moderna fisioterapia muscoloscheletrica di Grieve (Jull et al 2015).

Se guardiamo a ciò che dice l'IFOMPT nella sua definizione di terapia manuale, che risale al 2004, si legge che non usiamo solo tecniche manuali ma anche esercizi terapeutici. L'esercizio può ovviamente riferirsi alla mobilizzazione automatica che rispecchia il nostro trattamento passivo. Tuttavia, è implicato anche l'uso di strategie attive per influenzare eventuali deficit di controllo motorio e di equilibrio muscolare che possono contribuire al problema del paziente. Il documento sugli standard educativi dell'IFOMPT descrive chiaramente la prescrizione di esercizi come una delle abilità o competenze necessarie in un programma educativo OMPT (https://www.ifompt.org/Educational+Standards.html).

Quindi la visione più completa della terapia manuale esiste da molto tempo e alcuni concetti l'hanno abbracciata prima di altri. In effetti, alcune autorità stanno correndo avanti e rischiano di perdere le competenze della terapia manuale, mentre altre sembrano ancora aderire alle vecchie definizioni.

Terapia manuale e muscoli:

"Se si considera la letteratura scientifica, attribuire i risultati positivi della terapia manipolativa spinale unicamente all'identificazione e alla correzione di difetti biomeccanici ha lo stesso senso che attribuire a una barba la vittoria di una serie di playoff di hockey". Joel Biolosky.

Geoff Maitland era solito dire che se ci prendiamo cura delle articolazioni i muscoli si prenderanno cura di loro stessi. Questo può essere vero e spesso possiamo osservare un cambiamento nell'attività muscolare in seguito alla mobilizzazione o alla manipolazione. Date un'occhiata a Pieter Westerhuis che tratta la debolezza dell'anca attraverso una manipolazione spinale. https://www.youtube.com/watch?v=5qzxzzjN_eQ. Lavori più recenti sull'inibizione muscolare artrogena (AMI) ci aiutano a comprendere alcuni dei meccanismi alla base di questo fenomeno (Freemann, Mascia, McGill 2013, Rice e McNair 2010, Sonnery-Cottet et al 2019, Lepley AS e Lepley KL 2021, Norte et al 2021). Purtroppo, questo presupposto non è sempre vero. Spesso è necessario intervenire direttamente sulla funzione muscolare. Gli interventi di terapia manuale passiva, tuttavia, ci forniscono spesso una finestra importante per consentire un'attivazione anticipata dei muscoli o una progressione più rapida degli esercizi, facilitando così la riabilitazione. Questo effetto non deve essere sottovalutato.

Più recentemente Rhon e Deyle (2021) hanno alimentato un vivace dibattito con la loro discussione. Essi sostengono che "... la terapia manuale descrive un'ampia varietà di trattamenti, alcuni con componenti passive e altri che sono principalmente passivi in determinati scenari. Ma la terapia manuale può essere parte integrante di strategie di trattamento altamente attive...... Questo punto di vista sfida l'assunto che la terapia manuale sia sempre un trattamento passivo di scarso valore".

In effetti, si può sostenere che "Quando si parla di trattamento manipolativo, sembra impossibile evitare il problema di porre un'enfasi eccessiva sulle tecniche (passive)". (Maitland et al 2005).

Se consideriamo la terapia manuale come un concetto puramente passivo, ci sfugge l'intero quadro del paziente e quindi ci sfuggono aspetti importanti della gestione. Rischiamo quindi di vedere la terapia manuale come un insieme di tecniche e non come una "concetto specifico di pensiero e azione" Hengeveld e Banks (2014).

Cosa c'è in un nome?

Nel corso degli anni sono stati attribuiti diversi nomi a ciò che facciamo. Terapia manipolativa, terapia manuale, terapia manuale ortopedica, terapia fisica manipolativa. Tutti questi nomi danno inevitabilmente l'impressione che si utilizzino ancora solo tecniche manuali passive. Pertanto, il termine "fisioterapia muscoloscheletrica" sembrerebbe riflettere meglio ciò che facciamo.

Naturalmente la parola "manuale" deriva dal latino "Manus" che significa "mano" o "della mano". Menti brillanti sono state responsabili dello sviluppo di vari concetti e scuole di terapia manuale che hanno le loro radici nell'applicazione di tecniche che utilizzano le mani. Vengono in mente nomi che hanno cambiato le carte in tavola come James Cyriax, James Mennell, Freddie Kaltenborn, Olaf Evjenth, Stanley Paris, Geoff Maitland o Robin McKenzie e Brian Mulligan, solo per citarne alcuni.

In effetti, l'anno scorso le organizzazioni affiliate all'IFOMPT hanno condotto un vivace dibattito sull'opportunità di rinominare la federazione da "Federazione internazionale dei terapisti fisici manipolativi ortopedici" alla "Federazione internazionale dei terapisti fisici muscoloscheletrici ortopedici". Tuttavia, non sono riusciti a raggiungere un consenso globale.

Cosa ne penso?

Una volta ho imparato che scrivere in stampatello è come urlare, quindi ecco che mi metto a urlare!

Credo che dobbiamo cambiare il nome di ciò che facciamo. Siamo esperti in "FISIOTERAPIA MUSCOLOSCHELETALE". Questo riflette la pratica attuale. Dobbiamo accogliere tutti i nuovi input e le nuove evidenze senza perdere le nostre abilità uniche di mobilizzazione e manipolazione. Essendo nel "mestiere" da un po' di tempo, ho visto molte tendenze raggiungere un picco e poi scomparire o trovare un posto appropriato nella nostra vita clinica quotidiana e nell'insegnamento. LA MOBILIZZAZIONE E LA MANIPOLAZIONE SONO MOLTO PIÙ DI UNA TENDENZA _ MANTENIAMOLE.

Il risultato finale: Cambiate il nome, ma non perdete le vostre capacità di mobilitazione e manipolazione!

E voi cosa ne pensate?

Fateci sapere

Letteratura:

Freeman S., Mascia A., McGill S. Arthrogenic neuromusculature inhibition: a foundational investigation of existence in the hip joint, Clin. Biomech (Bristol Avon) 2013:28(02):171-7

Grieve G. Grieve's Modern Manual Therapy of the Vertebral Column. Churchill Livingstone, 1986Edimburgo, Londra

Hengeveld E., Banks K (2014) La manipolazione vertebrale di Maitland: Gestione dei disturbi neuromuscoloscheletrici - Volume 1 (8th Ed) 2014. Elsevier Edingburgh, Lo

Rhon D., Deyle GD. Terapia manuale: Sempre un trattamento passivo? J Orthop Sports Phys Ther 2021;51(10):474-477. Pubblicato il 1° luglio 2021. doi:10.2519/jospt.2021.10330

Jull G., Moore A., Falla D., Lewis J., McCarthy C., Sterling M (Eds) Grieve's Modern Musculoskeletal Physiotherapy 4th Ed. 2015. Elsevier, Londra, New York.

Korr I.M. (Ed) I meccanismi neurobiologici nella terapia manipolativa. Plenum Press, 1978. New York

Lederman E. Scienza e pratica della terapia manuale. 2a ed. 2005. Elsevier: Londra.

Lepley AS., Lepley KL. Meccanismi di inibizione muscolare artrogena J Sport Rehabil 2021; 1:1-10.

Maitland G., Hengeveld E., Banks K., English K. (Eds) Maitland's Vertebral Manipulation (7th Ed) 2005. Elsevier Edingburgh, Londra.

Norte G, Rush J, Sherman D. J. Inibizione muscolare artrogena: Migliori evidenze, meccanismi e teorie per il trattamento di ciò che non si vede nella riabilitazione clinica.  Sport Rehabil. 2021; 9:1-19

Pettman E. Storia della terapia manipolativa. J. Man. Manip. Ther. 2007; 15(3):165-75

Rice DA, McNair PJ. Inibizione del muscolo quadricipite artrogeno: meccanismi neurali e prospettive di trattamento. Seminari di artrite e reumatismo. 2010;40(03): 250-66

Sonnery-Cottet  B., Saithna  A., Quelard B.,  Daggett  M., Borade A.,  Ouanezar  H., Thaunat  M., Blakeney W.G. Inibizione muscolare artrogena dopo la ricostruzione del legamento crociato anteriore: una scoping review sull'efficacia degli interventi British Journal of Sports Medicine 2019;53(5):289-298.

Torna alla panoramica del blog

Commenti

L'utente ha effettuato l'accesso come {{user.name}}
{{ comment.length }} / 2000
  • {{ errore[0] }}
it_ITItalian

Notizie su Maitland

Rimanete all'avanguardia nelle cure basate sull'evidenza in fisioterapia! Abbonatevi alla nostra newsletter Maitland® Concept per ricevere informazioni esclusive sulle strategie avanzate di trattamento e gestione del sistema neuromuscoloscheletrico. Elevate la vostra pratica, migliorate i risultati dei pazienti e rimanete all'avanguardia nella ricerca dell'eccellenza.

Fratture vertebrali.
Serio o no?

Partecipate a un entusiasmante webinar con un relatore di spicco a livello internazionale Laura Finucane su 7 febbraio 2024 alle 20:00 CET nella sessione live o guardarla in seguito come eplay.

Teacher Name

Add Your Heading Text Here

Add Your Heading Text Here

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Piattaforma di gestione del consenso di Real Cookie Banner