Informazioni sull'IMTA

L'IMTA è una associazione internazionale di docenti impegnati a fornire corsi di formazione sulla gestione neuro-muscoloscheletrica basata sui principi del Concetto Maitland®.
L'Associazione si impegna a standardizzare, sviluppare e diffondere il Concetto Maitland® e a sostenere i fisioterapisti nella sua applicazione. L'IMTA è finanziariamente indipendente ed è neutrale in campo politico e religioso.

Le principali attività dell'Associazione comprendono:

Membri fondatori

  • Geoffrey D. Maitland
  • Peter Wells
  • Martha Hauser
  • Elly Hengeveld
  • Di Addison
  • Robin Blake
  • Pierre Jeangros
  • Pieter Westerhuis
  • Hugo Stam
  • Kevin Banks

Presidenti

  • 1992-1994: Martha Hauser
  • 1995-2001: Elly Hengeveld
  • 2001-2004: Gerti Bucher-Dollenz
  • 2004-2007: Patricia Davis-Knorr
  • 2007-2010: Hugo Stam
  • 2010-2016: Jan Herman van Minnen
  • 2016-2019: Jürg Hauswirth
  • 2019 – : René Bakodi

G. D. Maitland (1924-2010)nato ad Adelaide, in Australia, si è formato come fisioterapista dal 1946 al 1949 dopo aver prestato servizio nella RAAF durante la seconda guerra mondiale in Gran Bretagna.

Il suo primo lavoro è stato presso il Royal Adelaide Hospital e l'Adelaide Children's Hospital, con un interesse principale per il trattamento di disturbi ortopedici e neurologici. In seguito ha continuato a lavorare in parte in ospedale e in parte nella sua clinica privata. Dopo qualche anno è diventato medico privato e tutor clinico presso la Scuola di Fisioterapia del South Australian Institute of Technology, ora University of South Australia. Conduceva attività di continuo studio e trascorreva mezza giornata alla settimana nella Barr-Smith Library e nell'eccellente biblioteca della Medical School dell'Università di Adelaide.

Si dimostrò subito interessato a un attento esame clinico e alla valutazione dei pazienti con disturbi neuro-muscolo-scheletrici. A quei tempi la valutazione e il trattamento con movimenti passivi specifici non erano comuni nella pratica fisioterapica. G. D. Maitland apprese le tecniche da libri di osteopatia, chiropratica e degli allora definiti "aggiustaossa", nonché da libri di medicina come quelli di Marlin, Jostes, James B. Mennell, John McMillan Mennell, Alan Stoddard, Robert Maigne, Edgar Cyriax, James Cyriax e molti altri. Ha intrattenuto una fitta corrispondenza con numerosi autori di tutto il mondo, che hanno pubblicato lavori sulle mobilizzazioni passive, sulla manipolazione e su argomenti correlati, come ad esempio MacNab dal Canada e Alf Breig dalla Svezia.

Come docente, ha posto l'accento sull'esame clinico e sulla valutazione. Stimolava gli studenti a scrivere le cartelle cliniche fin dall'inizio, poiché riteneva che "fosse necessario impegnarsi sulla carta per analizzare ciò che si sta facendo". Nel 1954 iniziò ad insegnare in seminari di terapia manipolativa.

Nel 1961 ricevette un premio da un fondo speciale per gli studi, che permise a lui e alla moglie Anne di recarsi all'estero per un viaggio di studio. Fecero visita a osteopati, chiropratici, medici e colleghi fisioterapisti di cui avevano sentito parlare e letto e con cui avevano tenuto una corrispondenza negli anni precedenti. A Londra, Geoff ha preso parte ad interessanti sessioni cliniche e dibattiti con James Cyriax e il suo staff. Da questo viaggio, G. D. Maitland stabilì un'amicizia con Gregory P. Grieve, originario del Regno Unito. I due hanno intrattenuto una fitta corrispondenza sulle loro esperienze cliniche, che è proseguita per molti anni.

Nel 1962 Maitland tenne una relazione alla Physiotherapy Society of Australia dal titolo "The Problems of Teaching Vertebral Manipulation" (I problemi dell'insegnamento della manipolazione vertebrale), in cui presentò una chiara distinzione tra manipolazione e mobilizzazione e divenne un forte sostenitore dell'uso di movimenti passivi delicati nel trattamento del dolore, in aggiunta alle più tradizionali tecniche di forza utilizzate per aumentare l'ampiezza del movimento. In questo contesto può essere opportuno citare James Cyriax, un fondatore della medicina ortopedica e di grande influenza nello sviluppo della terapia manipolativa fornita dai fisioterapisti:

. . . più recentemente Maitland, un fisioterapista australiano, ha impiegato spinte ripetitive di minore frequenza ma con maggiore forza. Non sono identiche alle tecniche di mobilizzazione che gli osteopati chiamano impropriamente "articolatorie", né sono così brusche come le pressioni dei chiropratici. La grande virtù del lavoro di Maitland è la sua moderazione. Non ha trasformato le sue tecniche manipolative in un culto; non pretende effetti esclusivi né che siano una panacea. Anzi, fa di tutto per evitare argomenti teorici e insiste sull'effetto pratico della manipolazione.... Il paziente viene esaminato a intervalli frequenti durante la seduta, per consentire al manipolatore di valutare il risultato del suo trattamento fino a quel momento. Egli continua o modifica la sua tecnica in base al cambiamento, o all'assenza di cambiamento, rilevato. Per il fisioterapista queste mobilizzazioni costituiscono chiaramente un'utile aggiunta a quelle della medicina ortopedica e, meglio ancora, le precedono. Il fisioterapista acquisisce fiducia nell'uso di manovre dolci e, se il caso risponde bene... non deve cercare oltre.

Cyriax J (1984) Libro di testo di Ortopedia
Medicina. Parte II - Trattamento mediante manipolazione, massaggio e iniezione. 11a edizione.
(Ballière-Tindall, Londra. Pagine 40-41)

G. D. Maitland divenne un importante collaboratore dell'Australian Journal of Physiotherapy e di altre riviste mediche e di fisioterapia in tutto il mondo. Su sollecitazione di Monica Martin-Jones, OBE, leader della Chartered Society of Physiotherapy in Gran Bretagna, a Maitland fu chiesto di pubblicare il suo lavoro, che portò alla prima edizione di Vertebral Manipulation nel 1964, seguita da una seconda edizione nel 1968. Nel 1970 fu pubblicata la prima edizione di Peripheral Manipulation, in cui fu introdotto il famoso "diagramma di movimento", realizzato in collaborazione con Jennifer Hickling nel 1965.

In tutti questi anni di conferenze e pubblicazioni, Maitland ha continuato a trattare pazienti, poiché il lavoro clinico è rimasto la sua principale fonte di apprendimento e di rinnovamento delle idee. Geoff ha trattato pazienti nel suo studio privato per oltre 40 anni e, sebbene abbia chiuso il suo studio nel 1988, è rimasto attivo come fisioterapista fino al 1995.

Nel 1965, uno dei desideri di Maitland si è avverato: con l'aiuto di Elma Caseley, direttrice della Scuola di Fisioterapia del South Australian Institute of Technology e della sezione australiana della Australian Physiotherapy Association, si è tenuto ad Adelaide il primo corso di tre mesi sulla manipolazione della colonna vertebrale. Nel 1974 questo corso si è trasformato in un anno di formazione post-laurea chiamato "diploma post-laurea in fisioterapia manipolativa" presso il South Australian Institute of Technology, oggi divenuto un corso di laurea magistrale presso la University of South Australia.

È stato uno dei co-fondatori, nel 1974, della Federazione Internazionale di Terapia Fisica Manipolativa Ortopedica (IFOMPT), un ramo della Confederazione Mondiale di Fisioterapia (WCPT).

Solo nel 1978, mentre teneva uno dei suoi primi corsi nell'Europa continentale a Bad Ragaz, in Svizzera, riconobbe, attraverso una discussione con il dottor Zinn, direttore della Clinica Medica e del Centro Studi Post-Laurea di Bad Ragaz, che in realtà il suo lavoro e le sue idee costituivano un concetto specifico di pensiero e azione piuttosto che un metodo di applicazione di tecniche manipolative. Il Concetto Maitland di Fisioterapia Manipolativa, così come è diventato noto, enfatizza un modo specifico di pensare, una valutazione e un accertamento continui e l'arte della fisioterapia manipolativa ("sapere quando, come e quali tecniche eseguire, e adattarle alla situazione individuale del paziente") e un impegno totale nei confronti del paziente.

Link correlati:
Wikipedia - Geoffrey Maitland

Impegno in varie associazioni professionali
Maitland si è impegnato a lungo e a fondo in varie associazioni professionali:

  • Australian Physiotherapy Association (APA), dove ha fatto parte del Comitato della sezione statale per 28 anni, con varie funzioni, e come Delegato Statale al Consiglio Federale per 11 anni. Insieme ad altri, è stato responsabile della revisione dello statuto dell'APA nel 1964-1965. Nel 1977, ha presentato una proposta di Specializzazione in Fisioterapia Manipolativa, un concetto che è stato successivamente accettato in forma modificata.
  • Presidente Inaugurale dell'Australian College of Physiotherapists per sei anni e membro del consiglio per altri sei anni.
  • Membro del Physiotherapy Registration Board of South Australia per 22 anni.
  • Presidente del gruppo di esperti in fisioterapia per l'Australian Examining Council for Overseas Physiotherapists (AECOP) per 11 anni.
  • Delegato australiano all'IFOMPT per cinque anni e membro del suo comitato per gli standard accademici per altri cinque anni.

Premi
Per il suo lavoro è stato premiato con diversi riconoscimenti:

  • Membro dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 1981.
  • Fellowship dell'Australian College of Physiotherapists by Monograph nel 1970, con un'ulteriore Fellowship per specializzazione nel 1984.
  • Laurea honoris causa in Fisioterapia presso la University of South Australia nel 1986.
  • Membro onorario della Chartered Society of Physiotherapy (GB).
  • Membro onorario a vita della Società Sudafricana di Fisioterapia, del Gruppo di Fisioterapia Manipolativa, dell'Associazione Australiana di Fisioterapia Manipolativa (MPAA), dell'Associazione Svizzera di Fisioterapia Manipolativa (SVOMP), dell'Associazione Tedesca di Terapia Manuale (DVMT), dell'Associazione Americana di Fisioterapia (APTA) e dell'Associazione Internazionale dei Docenti Maitland (IMTA)
  • Premio dell'IFOMPT in riconoscimento del suo servizio e della sua leadership dalla fondazione.
  • Premio Mildred Elson nel 1995 dalla World Confederation of Physical Therapy (WCPT) per il lavoro svolto nella sua vita

Nel 1992 a Zurzach, in Svizzera, è stata fondata la International Maitland Teachers’ Association (IMTA), di cui G. D. Maitland è stato membro fondatore e presidente inaugurale.

Tutto questo lavoro non sarebbe stato possibile senza l'amorevole sostegno della moglie Anne, madre dei loro due figli John e Wendy. Anne si è occupata della maggior parte della grafica delle pubblicazioni di Maitland, ha preso appunti, ha realizzato manoscritti e ha videoregistrato molti dei suoi corsi. Il loro continuo esercizio di feedback è stato uno dei punti di forza dei Maitland, che sono stati praticamente inseparabili da quando si sono conosciuti in Inghilterra durante la seconda guerra mondiale. Anne è stata insignita del titolo di protettrice dell'Associazione Olandese di Terapia Manipolativa Ortopedica (NVOMT).

Il lavoro di Maitland, soprattutto attraverso la modalità di pensiero e il processo di valutazione continua, ha posto le basi per lo sviluppo delle definizioni e descrizioni contemporanee del processo fisioterapico.

Citazioni
Il lavoro di tutta una vita è stato riconosciuto da numerosi autori al momento della sua scomparsa nel 2010:

........Geoff sarà ricordato da innumerevoli fisioterapisti in Australia e all'estero. Riconosciamo la scomparsa di un vero grande clinico, insegnante e mentore. (P. Trott, R. Grant , Manual Therapy, 2010, (15) p. 297)

...Il contributo di Geoff Maitland alla professione del fisioterapista, e in particolare alla fisioterapia muscoloscheletrica, non può essere sottovalutato. La sua ispirazione e la sua collaborazione con i nostri pionieri del Regno Unito hanno portato allo sviluppo del MACP e hanno realmente posto le basi per tutti i ruoli "extended scope" e per la formazione post-laurea in fisioterapia di cui godiamo oggi. (MACP, Manual Therapy, 2010 (15) pagg. 298-299)

......Geoff era un grande ascoltatore e un grande comunicatore. Attribuiva grande importanza all'arte e all'abilità di ascoltare (piuttosto che al semplice sentire). Si aggrappava a ogni parola pronunciata dai suoi pazienti per non lasciarsi sfuggire i sottili suggerimenti del linguaggio o del tono che lo avrebbero aiutato a capire, in profondità, ciò che l'individuo stava vivendo. Utilizzava ogni aspetto della "capacità di informare del corpo", sia verbale che non verbale. Individuava le sfumature quasi impercettibili delle risposte del paziente al suo trattamento. Solo lui avrebbe riconosciuto, in una stanza piena di studenti, il significato importante di un paziente che tamburellava con le dita sul lettino. Geoff era un visionario e un innovatore. Nella prefazione alla prima edizione di Manipolazione vertebrale [1964] riconosce che "L'approccio pratico all'uso della manipolazione consiste nel mettere in relazione il trattamento con i sintomi e i segni del paziente piuttosto che con la diagnosi" e che "spesso è impossibile sapere quale sia la vera patologia... i sintomi e i segni [di una lesione discale] possono variare ampiamente e richiedere trattamenti diversi".

La sua visione è stata determinante nel darci quelle che oggi sono competenze consolidate, tra cui la "cura centrata sul paziente", l'uso della mobilizzazione per la modulazione del dolore e la consapevolezza della "natura della persona" e del suo impatto sul trattamento. Ha sottolineato la necessità di una profonda e ampia conoscenza teorica per sostenere e informare la pratica clinica. Ha sostenuto la disciplina della valutazione di tutto ciò che facciamo per dimostrare il nostro valore e con questo è nato l'uso di misure di outcome riferite e orientate al paziente (asterischi soggettivi e funzionali) e la richiesta di una registrazione accurata del trattamento e dei suoi effetti. Geoff è stato anche all'avanguardia nella ricerca da parte dei Fisioterapisti per i Fisioterapisti, in un'epoca in cui si riteneva che il ruolo del medico fosse quello di redigere rapporti sulla Fisioterapia e di decidere quali modalità fisioterapiche dovessero essere prescritte. In sintesi, G D Maitland, sostenuto da Anne, dalla sua famiglia e dai suoi colleghi, ha stabilito il suo posto nella storia della nostra professione. È il Donald Bradman dei fisioterapisti. Sir Donald, un australiano, aveva una media di battuta nei Test Match di 99,94 e, come per Geoff, molti hanno aspirato a raggiungere un simile standard, ma nessuno, fino ad oggi, ci si è avvicinato.

(Presidente e membri dell'Associazione Internazionale dei Docenti Maitland).
Associazione, IMTA Manual Therapy, (15) 2010, p.300-301)

In questo contesto, sembra opportuno concludere con una citazione del professor Lance Twomey, Vice Cancelliere e Professore di Fisioterapia, Curtin University of Technology, Perth, Australia:

. . . L'enfasi posta da Maitland su un esame molto attento e completo che porta all'applicazione precisa del trattamento attraverso il movimento, seguito a sua volta dalla valutazione degli effetti di tale movimento sul paziente, costituisce la base dell'approccio clinico moderno. Questo è probabilmente quanto di più vicino al metodo scientifico sia possibile nella pratica clinica della fisioterapia e serve da modello per altre aree specifiche della professione.

Prefazione in Refshauge K & Gass E
(1995) Fisioterapia muscoloscheletrica.
Butterworth-Heinemann, Oxford. Pagina IX

(Biografia autorizzata da Hengeveld & Banks (2014) Maitland’s Vertebral Manipulation. Management of Musculoskeletal Disorders. Vol I. 8th ed. Elsevier, Edinburgh)

it_ITItalian

Notizie su Maitland

Rimanete all'avanguardia nelle cure basate sull'evidenza in fisioterapia! Abbonatevi alla nostra newsletter Maitland® Concept per ricevere informazioni esclusive sulle strategie avanzate di trattamento e gestione del sistema neuromuscoloscheletrico. Elevate la vostra pratica, migliorate i risultati dei pazienti e rimanete all'avanguardia nella ricerca dell'eccellenza.

Fratture vertebrali.
Serio o no?

Partecipate a un entusiasmante webinar con un relatore di spicco a livello internazionale Laura Finucane su 7 febbraio 2024 alle 20:00 CET nella sessione live o guardarla in seguito come eplay.

Teacher Name

Add Your Heading Text Here

Add Your Heading Text Here

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Piattaforma di gestione del consenso di Real Cookie Banner