The original article was published in English, other language versions are automatically translated.
For the original please switch to English.
03.02.2019

La terapia muscoloscheletrica ha bisogno di scienza e di educazione del paziente e non ha più bisogno di abilità manuali e di guru.

Harry von Piekartz

La terapia muscoloscheletrica (NMT) o meglio la terapia neuromuscoloscheletrica riceve il sigillo IFOMPT nella maggior parte dei Paesi. In quanto forma specializzata di fisioterapia, ha un chiaro profilo di competenza e pertanto occupa un posto speciale nel sistema sanitario della maggior parte dei Paesi (www.ifompt.com). Nell'ultimo decennio, la NMT ha subito un significativo cambiamento di paradigma. Le tecniche "hands on" dominanti sono state sostituite da moderni modelli terapeutici "hands of", come la spiegazione/educazione al dolore e le strategie cognitivo-comportamentali delle scienze sociali e la crescente richiesta di evidenze terapeutiche (evidenze esterne). Si può notare una spaccatura visibile nel gruppo professionale che, a mio parere, potrebbe essere classificata in 5 gruppi:

- Il tradizionale fisioterapista orientato con buone abilità manuali; che si basano sui modelli dei primi guru come Grieve, MacKenzie, Kaltenborn, Evjenth, Maitland, Mulligan, Paris ecc. Poiché sono per lo più convinti che i loro modelli/terapie abbiano il miglior risultato, non hanno bisogno di prove esterne e si preoccupano di rifiutare i cambiamenti (contenuto della terapia, educazione, terminologia, ecc.). La pubblicità del loro pensiero è importante, ma i social media non hanno senso e sono visti come un potere eccessivo.
- Il (giovane) accademico fisioterapista: ama fare riferimento alla ricerca ed è anche critico nei confronti di qualsiasi risultato della terapia. Inoltre, esprime chiaramente la propria opinione nelle discussioni di gruppo sui social media. Ritiene che le manualità classiche siano meno importanti a causa del minor livello di evidenza e ha pochi o nessun sentimento nei confronti dei guru tradizionali.
- Il ricerca fisioterapista: bravo in matematica e amante dei numeri, impiegato in un'università, ha raccolto poca o nessuna esperienza clinica, ma impiega le sue energie nella ricerca (clinica), lavorando per ottenere il titolo di dottorato.
- Il un po' confuso fisioterapista: ha una formazione tradizionale, conosce uno o più guru e riconosce i cambiamenti di paradigma. Non sa come gestirli, ma sa che sia la "tradizione" che la "nuova onda" possono essere utili. Il più delle volte non riesce a identificarsi bene con la fisioterapia di oggi. A volte è frustrato e potrebbe tendere al "burn out".
- Criticità minori ma soddisfatti fisioterapista: di solito è d'accordo con tutto e impara superficialmente. Segue diversi corsi, mette in pratica i trucchi appresi. Non si impegna in discussioni professionali difficili, dà un'impressione di soddisfazione.

Questi 5 profili sono volutamente descritti un po' in bianco e nero. In ogni Paese possono variare e tutti conoscono colleghi che rientrano in questi profili e .... in quale profilo vi ritrovate? Forse in alcuni momenti abbiamo un po' di tutti e 5

T

Coerenza
È ovvio che il rischio di questa spaccatura sarà maggiore se un collega rimane fedele al suo atteggiamento tradizionale o convinto, alle sue idee o non ha alcuna opinione sulla sua professione. La trasparenza, le dichiarazioni chiare come persona o come organizzazione (educativa e/o politica) sono, dal mio punto di vista, una cura comune per mantenere o migliorare una sana coerenza all'interno della professione. Pertanto, è necessario prestare particolare attenzione ai seguenti punti:

- Rispettare e abbracciare i guru clinici della prima ora, ma senza idolatrarli; mettendoli in prospettiva e, se necessario, criticandoli in modo contemporaneo, come facciamo o abbiamo fatto con i nostri guru personali (ad esempio i nostri genitori).
- L'attuale quadro scientifico, per lo più giovani guruaccettare e incorporare, e nel contempo criticare e guidare positivamente le domande di ricerca provenienti dal campo clinico. Entrambe le aree hanno bisogno l'una dell'altra e hanno lo stesso obiettivo: la professionalizzazione della terapia muscoloscheletrica e, di conseguenza, una migliore assistenza ai pazienti.
- Abbraccio innovativo questioni di terapia muscoloscheletrica, ma scoprire in modo più affidabile, attraverso una ricerca sistematica e un consenso, se novità come, ad esempio, la mobilizzazione craniale, il kinesiotaping, le tecniche facciali, il dry needling (non in Germania, ma in altri Paesi europei) fanno o non fanno parte della terapia muscoloscheletrica.
- Interrogarsi criticamente e possibilmente ridefinire la terminologia muscolo-scheletrica specifica. L'IFOMPT è l'organizzazione leader in questo campo e ha già dato il segnale di partenza. A livello nazionale, i gruppi di lavoro possono sostenere questa iniziativa.
- Rispondere ai desideri e le esigenze dell'attuale generazione di giovani fisioterapisti (curriculum di contenuti e adattamento del modo di comunicare). Ciò significa: rinnovare i concetti di marketing a diversi livelli (in particolare utilizzando i social media come piattaforma pubblicitaria).
- Sistematicamente integrare la scienza nella formazione in fisioterapia e terapia muscoloscheletrica. Questa dovrebbe essere suddivisa in due categorie distinte:
Scienza coscienziosa: imparare a comprendere la scienza, interpretandola secondo le (proprie) esigenze e sviluppando così la propria azione terapeutica; criticare costruttivamente i concetti esistenti e formulare domande di ricerca.
Scienza attiva: esplorare la ricerca clinica attiva nella terapia muscoloscheletrica, pubblicando e presentando i risultati della ricerca internazionale.

La valutazione e il trattamento del sistema neuromuscoloscheletrico è una forma specializzata di terapia (neuro)muscoloscheletrica e l'IMTA è un'organizzazione mondiale che fornisce formazione in questo campo. A mio parere, un'organizzazione di insegnanti moderna dovrebbe cambiare lentamente la propria organizzazione interna per raggiungere la coerenza ottimale descritta sopra.

L'IMTA e i punti di attenzione
I guru della terapia manuale, guidati dai principi di Geoff Maitland ma anche da terapisti manuali associati come G Grieve, D Butler, L Gifford, B. Edwards, M. Jones, S. Sharman ecc. sono state personalità stimolanti, che hanno fortemente influenzato la formazione IMTA così come è ora. Questi guru sono stati accolti ma anche criticati e aggiornati. Le evidenze esterne vengono eventualmente integrate, ma anche queste (evidenze esterne) sono nuovamente oggetto di riflessione critica. I fenomeni clinici e i risultati che vediamo nella pratica clinica quotidiana devono essere in un equilibrio ottimale con le evidenze esterne che devono essere implementate dagli insegnanti IMTA durante la formazione.

Le implementazioni IMTA del futuro
In occasione dell'incontro annuale del 2018 e delle giornate formative del 2019, l'organizzazione dell'IMTA si sta muovendo. Si è insediata una nuova organizzazione interna con 3 sottocommissioni (Board, Business Center e Education Committee), verranno esposti moderni strumenti di apprendimento digitale e la maggior parte dei membri è convinta di sostenere la ricerca, il che potrebbe portare forse a una terza sottocommissione con un budget "il comitato di ricerca". A mio parere, l'organizzazione dell'IMTA tocca le qualità di coerenza descritte sopra, che potrebbero essere i primi cambiamenti fondamentali per una moderna associazione di insegnanti in terapia muscoloscheletrica. Attendo con ansia il futuro

Harry von Piekartz, PhD, MSc PT, MT(OMT), Senioreacher IMTA

Torna alla panoramica del blog

Commenti

L'utente ha effettuato l'accesso come {{user.name}}
{{ comment.length }} / 2000
  • {{ errore[0] }}
it_ITItalian

Notizie su Maitland

Rimanete all'avanguardia nelle cure basate sull'evidenza in fisioterapia! Abbonatevi alla nostra newsletter Maitland® Concept per ricevere informazioni esclusive sulle strategie avanzate di trattamento e gestione del sistema neuromuscoloscheletrico. Elevate la vostra pratica, migliorate i risultati dei pazienti e rimanete all'avanguardia nella ricerca dell'eccellenza.

Fratture vertebrali.
Serio o no?

Partecipate a un entusiasmante webinar con un relatore di spicco a livello internazionale Laura Finucane su 7 febbraio 2024 alle 20:00 CET nella sessione live o guardarla in seguito come eplay.

Teacher Name

Add Your Heading Text Here

Add Your Heading Text Here

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Piattaforma di gestione del consenso di Real Cookie Banner