The original article was published in English, other language versions are automatically translated.
For the original please switch to English.
04.02.2024

"La moderna terapia manuale come manipolazione del cervello" Un approccio olistico al trattamento del dolore al collo

Jürg Hauswirth

 

Negli ultimi 20-30 anni, la ricerca sul dolore ha compiuto progressi significativi, il che significa che il modo in cui trattiamo il dolore cervicale si è notevolmente evoluto. Quando un paziente con dolore al collo e limitazioni di movimento entra per la prima volta nel mio studio, in qualità di fisioterapista con una formazione specialistica in terapia manuale,

Mi trovo di fronte a un'ampia gamma di opzioni per affrontare il suo problema. (vedi illustrazione)

 

 

Questi progressi sono il risultato di un'affascinante comprensione del dolore, in particolare del dolore persistente che può portare a cambiamenti nel sistema nervoso centrale. Ciò consente l'applicazione di nuovi approcci basati sull'evidenza, come la Graded Motor Imagery (GMI) o l'educazione al dolore, per trattare efficacemente i problemi di dolore nociplastico (1,2,3).

 

I meccanismi di dolore nociplastico si riferiscono alla percezione del dolore che non è dovuta a un danno tissutale specifico o a un'infiammazione. Il dolore si manifesta invece a causa di cambiamenti nei nervi e nel sistema nervoso centrale. Questi cambiamenti possono portare all'amplificazione o all'eccessiva percezione dei segnali di dolore, anche se non esiste una causa fisica evidente per il dolore. Il dolore nociplastico con sensibilizzazione centrale è spesso cronico e complesso, e in genere richiede un trattamento medico multimodale completo.(4)

 

La domanda che ci si pone, tuttavia, è se con questo approccio nociplastico ci stiamo allontanando troppo da un approccio incentrato sul paziente. Sembra che molti fisioterapisti siano meno propensi a utilizzare le tecniche manuali, forse per la preoccupazione di promuovere comportamenti di dipendenza nei pazienti con dolore persistente. Quindi, cosa fare quando si ha davanti un paziente con dolore al collo? Naturalmente, tutto inizia con una valutazione completa, per identificare il problema principale. Ci sono possibili controindicazioni, indicazioni di bandiere rosse/gialle o situazioni di precauzione? La scelta degli approcci terapeutici deve basarsi su un'ipotesi fondata dei meccanismi di dolore prevalenti.

 

La terapia manuale, utilizzata da secoli, rimane una tecnica preziosa. Studi precedenti hanno dimostrato che può avere effetti sia locali che globali sull'organismo (5). Oltre agli effetti locali, la terapia manuale può avere anche influenze globali sugli ormoni e sui neurotrasmettitori che possono influenzare i processi centrali del dolore.  

 

               

La nostra comprensione dei meccanismi sopraspinali più complessi è in evoluzione. La terapia manuale può ridurre la somma temporale e i riflessi nocicettivi, influenzando l'input nocicettivo al sistema nervoso centrale (5). Inoltre, nei soggetti sottoposti a interventi di terapia manuale sono stati riscontrati cambiamenti nell'attività della corteccia insulare, correlati a una riduzione dell'esperienza soggettiva del dolore. È interessante notare che questi effetti erano indipendenti dalla tecnica manuale specifica, che si trattasse di manipolazione, mobilizzazione o mobilizzazione dei tessuti molli (6, 7).

L'applicazione di queste conoscenze nella pratica clinica richiede un approccio differenziato. Riconoscere i meccanismi predominanti del dolore e considerare le aspettative del paziente sono di fondamentale importanza. Un approccio multimodale che combini terapia manuale, educazione al dolore, esercizi e altre tecniche consente un'assistenza completa e incentrata sul paziente. (vedi foto) 

In linea con ciò, la seguente prospettiva di Chad Cook, fisioterapista e ricercatore americano, è appropriata: "La terapia manuale dovrebbe basarsi sulle stesse considerazioni filosofiche dell'uso dei farmaci antidolorifici. Gli analgesici forniscono un sollievo dal dolore a breve termine che consente al paziente di svolgere le attività della vita quotidiana o l'esercizio fisico. La MT può ottenere lo stesso risultato ed è improbabile che sia utile come intervento a sé stante. Nel migliore dei casi, la MT è parte di un approccio terapeutico multimodale (assistenza basata sul valore) (8).

 

Infine, vorrei richiamare la vostra attenzione sull'imminente

Congresso IFOMPT a Basilea dal 4 al 6 luglio 2024che offre una grande opportunità di approfondire il discorso internazionale sulla ricerca sul dolore e sulla terapia manuale, esplorando gli attuali sviluppi in questo campo.

https://www.ifomptbasel2024.org/frontend/index.php

 

 

Autore, foto e illustrazioni: Jürg Hauswirth

 

 

Letteratura

1.     Winkelstein, B. A. (2004). Meccanismi di sensibilizzazione centrale, neuroimmunologia e biomeccanica delle lesioni nel dolore persistente: implicazioni per i disturbi muscoloscheletrici. Giornale di Elettromiografia e Chinesiologia, 14(1), 87-93. doi: 10.1016/j.jelekin.2003.09.017

2.     Latremoliere, A., & Woolf, C. J. (2009). Sensibilizzazione centrale: un generatore di ipersensibilità al dolore attraverso la plasticità neurale centrale. Il Giornale del dolore, 10(9), 895-926. doi: 10.1016/j.jpain.2009.06.012

3.     Thomas Cheng, H. (2010). Meccanismi midollari del dolore cronico e implicazioni cliniche. Rapporti attuali su dolore e cefalea, 14(3), 213-220. doi: 10.1007/s11916-010-0111-0

4.     Kosek, Evaa,b,*; Clauw, Danielc; Nijs, Jod,e,f; Baron, Ralfg; Gilron, Ianh; Harris, Richard E.c; Mico, Juan-Antonioi; Rice, Andrew S.C.j; Sterling, Michelek. Dolore cronico nociplastico a carico dell'apparato muscolo-scheletrico: criteri clinici e sistema di classificazione. PAIN 162(11):p 2629-2634, novembre 2021. | DOI: 10.1097/j.pain.0000000000002324

5.     Bishop, M. D., Torres-Cueco, R., Gay, C. W., Lluch-Girbés, E., Beneciuk, J. M., & Bialosky, J. E. (2015). Che effetto può avere la terapia manuale sull'esperienza del dolore di un paziente? Gestione del dolore, 5(6), 455-464. doi: 10.2217/pmt.15.39

6.     Bialosky, J. E., Beneciuk, J. M., Bishop, M. D., Coronado, R. A., Penza, C. W., Simon, C. B., & George, S. Z. (2018). Svelare i meccanismi della terapia manuale: Modellare un approccio. Giornale di Terapia Fisica Ortopedica e Sportiva, 48(1), 8-18. doi: 10.2519/jospt.2018.7476

7.     Bialosky, J. E., Bishop, M. D., Price, D. D., Robinson, M. E., & George, S. Z. (2009). I meccanismi della terapia manuale nel trattamento del dolore muscoloscheletrico: un modello completo. Terapia manuale, 14(5), 531-538. doi: 10.1016/j.math.2008.09.001

8.     Cook, C. E. (2021). Dämonisierung der Manuellen. Thieme MSK - Fisioterapia Muscoloscheletrica, 25(03), 125-131. doi: 10.1055/a-1499-5262

Torna alla panoramica del blog

Commenti

Thomas Horre
22.02.2024
Thx for a nice & short summary of this topic dear Jürg !!!!

Thomas
L'utente ha effettuato l'accesso come {{user.name}}
{{ comment.length }} / 2000
  • {{ errore[0] }}
it_ITItalian

Notizie su Maitland

Rimanete all'avanguardia nelle cure basate sull'evidenza in fisioterapia! Abbonatevi alla nostra newsletter Maitland® Concept per ricevere informazioni esclusive sulle strategie avanzate di trattamento e gestione del sistema neuromuscoloscheletrico. Elevate la vostra pratica, migliorate i risultati dei pazienti e rimanete all'avanguardia nella ricerca dell'eccellenza.

Fratture vertebrali.
Serio o no?

Partecipate a un entusiasmante webinar con un relatore di spicco a livello internazionale Laura Finucane su 7 febbraio 2024 alle 20:00 CET nella sessione live o guardarla in seguito come eplay.

Teacher Name

Add Your Heading Text Here

Add Your Heading Text Here

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Piattaforma di gestione del consenso di Real Cookie Banner